Kandinsky e l'avventura astratta

Una dimora prestigiosa per un grandissimo evento:

Nello splendido scenario di una tra le più imponenti ville venete - Villa Manin di Passariano - si terrà uno dei maggiori eventi d’attrazione culturale della prossima primavera italiana.Kandinsky
Un palcoscenico unico per un’esposizione unica: oltre 100 opere che illustreranno quella grande rivoluzione culturale e del gusto che è stata l’avventura dell’arte astratta.
I maggiori interpreti dell’astrattismo, con una decisa e fondamentale presenza di molte delle grandi opere del suo caposcuola Vasily Kandinsky, troveranno spazio in un contesto classico che vi stupirà per l’eleganza e la bellezza.


Vasily Kandinsky è stato un pioniere dell’astrattismo: un linguaggio di forme, linee e colori che esiste esclusivamente nell’immaginazione artistica senza alcun riferimento alla realtà che ci circonda. Come alternativa al realismo e alla rappresentazione l’astrattismo fu una delle influenze determinanti nell’arte del XX secolo.
Kandinsky e l’avventura astratta documenta tutti i principali momenti della lunga carriera dell’artista, dagli inizi nella Monaco della Secessione, al ritorno in Russia durante la prima guerra mondiale e la rivoluzione bolscevica, attraverso gli anni di insegnamento al Bauhaus di Weimar e Dessau, per arrivare agli anni ‘30 quando si trasferisce a Parigi dove muore nel 1944.

Kandinsky A fare da sfondo ai capolavori di Kandinsky sono opere e sculture di amici e contemporanei: espressionisti (come Kirchner e Nolde), compagni del movimento del Blaue Reiter (Marc e Klee), astrattisti olandesi (Mondrian, van Doesburg), compatrioti russi (Pevsner, Gabo, Lissitzky, Malevich), colleghi del Bauhaus (Albers, Moholy-Nagy), figure di rilievo dell’avanguardia parigina (Arp, Hélion, Léger, Miró, Ernst, Picasso), seguaci (Bauer, Pollock) e ultima, una delle sue benefattrici, la baronessa Rebay, artista, teorica dell’astrattismo e prima direttrice del Museo Solomon R. Guggenheim.


Kandinsky Questa mostra, curata da Susan Davidson, racconta la storia di una vita e di un’idea attraverso alcune delle maggiori opere d’arte del XX secolo, selezionate esclusivamente dalle collezioni della Fondazione Solomon R. Guggenheim.