Il Neoclassicismo in Italia:
da Tiepolo a Canova

1. Julien de Parme, L'imperatore Caracalla pugnala il fratello Geta tra le braccia della madre Giulia (1775), olio su tela, Aix-en-Provence, MusŔe Granet
2. Pierre Jacques Antonie Volaire, Eruzione del Vesuvio dal Ponte della Maddalena (1770), olio su tela, Napoli-Museo e Galleria Nazionale di Capodimonte

Mostra: Il Neoclassicismo in Italia Da Tiepolo a Canova
Sede Espositiva: Milano, Palazzo Reale, piazza Duomo 12
Durata: dal 27 febbraio al 28 luglio 2002Orari: tutti i giorni 9,30-19,30, giovedý 9,30-23,00, lunedý chiuso
Informazioni: TicketOne tel. 02.392261

La scenografia Ŕ quella delle sale di Palazzo Reale, a Milano, dove verranno ospitati dipinti, sculture, mobili ed oggetti d'arte decorativa per raccontare il "Neoclassicismo in Italia".Protagonisti dell'esposizione saranno gli artisti che, operando nelle corti italiane ed europee ed arricchendole di straordinarie opere d'arte, crearono lo "stile" nell'accezione moderna del termine, inteso come sintesi alta delle arti figurative.Un percorso inedito fino ad oggi, dunque, che attraverso i pi¨ importanti capolavori dell'arte dell'etÓ delle riforme, porterÓ dal sorgere di una sensibilitÓ per l'antico a metÓ Settecento fino all'affermazione del nuovo gusto nell'ultimo decennio del secolo.Un affascinante viaggio da "Tiepolo a Canova", dagli ultimi echi del "virtuosismo" barocco all'invenzione della "tecnica", che giÓ contiene ed esprime il "sublime" del Romanticismo. Un'epoca da rileggere a cominciare dagli aspetti pi¨ marginali fino alle opere pi¨ compiute, per scoprirne la feconda complessitÓ, scardinando accademiche schematizzazioni che, per oltre due secoli, l'hanno relegata in un'aura chiusa, nel gelido formalismo delle realizzazioni a temi.