PRESENTA:

MARIO GIUDICI
LEGAMI

E’ con vero piacere che AREAPROTETTA presenta la prima personale del pittore Mario Giudici, il titolo del lavoro: "I LEGAMI" rappresenta la logica espressiva dell’artista, legami con le proprie origini, con la propria famiglia, con il proprio lavoro.

LEGAMI, sentimenti forti che traggono origine da affinità elettive e non semplicemente da radici comuni, scelte di vita e di elezione, affetti coltivati non per imposizione, ma per amicizia e complicità con coloro che ci sono stati affiancati dalla sorte.

Ascoltare Mario che parla dei suoi nove fratelli riporta immediatamente a questa sensazione di scelta: amici, complici, collaboratori con cui si é condiviso il pensiero di una vita, sono legami profondi che vanno oltre l’essere semplicemente fratelli, legami in cui il dovere è superato ampiamente dal piacere di ritrovarsi, LEGAMI, NON RADICI.

La stessa sensazione si ha quando il pittore ci parla del suo lavoro di fornaio e quando ci spiega il perché dell’uso della materia e della gestualità, si tratta di una scelta che non è imposta, non è un punto di partenza, è un punto di arrivo, il legame si è creato nel tempo, il percorso pittorico è iniziato autonomamente e poi l’artista ha sentito l’esigenza di ricercare nel proprio mondo, di ricreare quelle situazioni gestuali e di utilizzare la materia che gli erano così care nella vita quotidiana.

LEGAMI con il territorio che nascono dal ricordo, dal ripensare a situazioni trascorse, mai rimpiante, momenti della memoria in cui i legami con la famiglia, con gli ideali, con i valori fondamentali diventano momento creativo e ragione per esprimere le proprie emozioni.

LEGAMI tra il proprio io e ciò che avviene intorno, emozioni dettate da situazioni vicine o lontane che coinvolgono l’artista, situazioni che vengono rappresentate con grande sentimento e con notevole capacità.

Bergamo, 26 maggio 2003

Giacomo Pellegrini

 

MOSTRE E NEWS HOME